Come proteggere il proprio PC in modo gratuito ed efficace

 
"L'unico computer veramente sicuro è quello spento, gettato in una colata di cemento, sigillato in una stanza rivestita da piombo e protetta da guardie. E anche in quel caso, ho i miei dubbi."

Iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato, senza spam, sul nuove guide e tutorial gratuiti 🙂

Se invece hai hai dei dubbi, commenta l’articolo o scrivici su Facebook!

"MA IO USO IL PC SOLO PER ENTRARE IN FACEBOOK..."

Proteggere il proprio computer è importante.
In parallelo con la nascita e la diffusione dei primi sistemi informatici di massa e di internet, il tema della sicurezza è cresciuto fino a divenire uno degli argomenti principali trattati da chi si occupa di tecnologia.
Che voi abbiate un PC casalingo o che lavoriate su sistemi professionali, poco importa alla maggioranza dei creatori di virus e affini: siete potenziali vittime e potenziali fonti di guadagno.

E’ importante capire che nessuno è al sicuro, nè io nè voi, e non importa che usiate il PC per qualche presentazione PowerPoint o che lo usiate solamente per andare su Facebook o vedere qualche video su Youtube: il pericolo è dietro l’angolo e aspetta soltanto un utente sprovveduto o un po’ ingenuo per scatenare le sue infinite potenzialità.

In questa guida troverete perciò alcuni consigli derivati da anni di esperienza nel settore per navigare protetti e senza spendere un centesimo. Ancora meglio: con questa guida, in pochi minuti e con semplicità, potrete rimuovere minacce già presenti e dimenticarvi dei rischi legati alle infezioni da malware per il tempo a venire.

DI COSA SI COMPONE LA SICUREZZA INFORMATICA

Tipologie di minacce

Parlare di sicurezza informatica è aprire un capitolo enorme, composto da un’infinità di elementi che, per la maggior parte, non interessano all’utente domestico.
In questa parte della guida tratteremo degli elementi di base che compongono questa branca della tecnologia e che permettono di comprendere in maniera utile i rischi presenti in rete e gli strumenti a nostra disposizione per mitigarne gli effetti.

Innanzitutto è bene dividere i cosiddetti “virus” (termine impreciso e fuorviante) in opportune categorie:

  • Virus: programmi in grado di infettare altri programmi nel computer per avviarsi di nascosto e svolgere operazioni personalizzate. Sono spesso utilizzati per carpire dati agli utenti o per permettere a terzi di accedere al computer. Si tratta di una definizione generica per indicare il software malevolo (malware) in grado di inserire il proprio codice in quello di programmi considerati legittimi;
  • Cryptojacking: questa minaccia, ancora relativamente nuova, consiste nel produrre criptovalute (bitcoin e affini) utilizzando la potenza di calcolo della vittima. Causano rallentamenti in quanto il vostro PC inizia ad eseguire calcoli estremamente complessi e veloci che andranno a ingrossare il portafogli del creatore del malware stesso. Se ne parla più approfonditamente sul Proteiforme, in questo articolo;
  • Spyware: programmi il cui unico scopo è spiare l’ignaro utente per scovare password, PIN, credenziali di accesso e dati sensibili da mandare al proprio creatore o a terzi. Spesso l’intera operazione è totalmente indolore per la vittima, che non si accorge di essere stata infettata;
  • Trojan Horse: software malevolo spesso nascosto sotto le sembianze di file legittimi (quella splendida copia di quel gioco craccato che vi ha passato il vostro amico su Messenger…) che ha come scopo quello di prendere il controllo del sistema per estrapolarne dati sensibili o, nei casi peggiori, per renderlo non funzionante;
  • Worms: malware in grado di replicarsi e diffondersi autonomamente (via chiavetta USB ad esempio) di solito utilizzato per veicolare l’accesso di Trojan Horse o di Spyware;
  • Adware: è la categoria più fastidiosa. Si tratta di malware progettati esclusivamente per visualizzare pubblicità ed offerte non richieste: sono invasivi e tendono a rallentare molto l’esperienza di utilizzo del PC. La maggior parte delle volte si presentano come estensioni per il browser e, sebbene siano i meno rischiosi a livello di sicurezza, restano una falla importante e notevole nel campo della sicurezza informatica;
  • Ransomware: questo tipo di malware è tra i più distruttivi e si sta diffondendo a macchia d’olio attraverso l’utilizzo di mail compromesse ed allegati contenenti codice malevolo. La modalità d’azione del ransomware consiste nel codificare e rendere inacessibili tutti (o parte) dei file contenuti nel computer e presentare un messaggio contenente le istruzioni per pagare un riscatto (ransom in inglese) al fine di ricevere la chiave giusta per decodificarli. Spesso il pagamento viene richiesto in bitcoin o altre criptovalute a causa del forte anonimato permesso dall’utilizzo di valuta digitale.
Tipologie di difese

Con così tante varianti e così tanti possibili attacchi, anche i produttori di soluzioni per la sicurezza informatica si sono messi all’opera per rendere la propria offerta il più completa ed efficace possibile.
Anche in questo caso, al fine di rendere la guida comprensibile all’utente ed evitare di addentrarsi in discorsi troppo tecnici per le finalità che ci siamo prefissati diamo un’occhiata veloce ai principali tipi di strumenti che possono proteggerci dalle minacce informatiche:

  • Antivirus: il più conosciuto degli strumenti, quello che tutti dovrebbero avere e che in molti dimenticano di installare o mantenere. L’antivirus, come dice il nome, scansiona il sistema per individuare e rimuovere virus, trojan horse, molti tipi di worm e, in alcuni casi, persino spyware e ransomware.
    La peculiarità dell’antivirus è che offre praticamente sempre la protezione in tempo reale, ovvero la costante supervisione del programma per evitare esecuzione e download di software infetto.
  • Antimalware: si tratta di uno strumento spesso sottovalutato, in grado di agire in sinergia con l’antivirus senza pregiudicarne il funzionamento e di individuare, bloccare e rimuovere minacce aggiuntive quali spyware o worm non riconosciuti dall’antivirus e soprattutto adware nascosti nel browser o nel sistema.
  • Firewall: il firewall (“muro di fuoco”) è un tipo di protezione avanzata, utile soprattutto alle aziende o ai sistemi con molti computer collegati ad una stessa rete. Non è una protezione necessaria all’utente medio ma per completezza di informazione (e visto che comunque è un livello di protezione aggiuntiva) spiegheremo brevemente di cosa si tratta. Un firewall controlla tutte le connessioni che entrano ed escono dal vostro PC, permettendo di bloccare connessioni malevole (un virus che comunica al proprio creatore dei dati, ad esempio) o di impostare regole più o meno strette riguardo alla quantità e alla qualità dei dati che entrano o escono dal vostro pc.
  • Estensioni per browser: nonostante non siano effettivamente dei software in grado di garantire un’efficace protezione, alcune estensioni per browser rendono la nostra navigazione più veloce e sicura. Di solito agiscono bloccando pubblicità invasive o proteggendoci dal visitare siti malevoli, e sono a tutti gli effetti elementi imprescindibili per permetterci di navigare con tranquillità.
Il Proteiforme consiglia:  Bloccare le pubblicità su Android [senza Root e gratuitamente] - Blokada

DIFENDERSI IN MANIERA GRATUITA, COMPLETA E RAPIDA

Probabilmente molti di voi avranno saltato tutta la parte introduttiva finendo direttamente qui.
Dopotutto, lo scopo di questo tutorial è insegnarvi a difendervi in maniera rapida e gratuita dai principali tipi di minacce che possono colpire l’utente medio; allo stesso tempo, si consiglia di dare almeno un’occhiata veloce alla sezione precedente, che indica i principali tipi di minacce e di difese presenti sul web.

Passando invece alla parte pratica di questa guida, ecco come ci si può assicurare un alto livello di protezione mantenendo gratuità e semplicità, senza allo stesso tempo avere impatti significativi sulle performances.

Antivirus

Come prima misura è fondamentale dotarsi di un buon software antivirus.
Se possedete Windows 10, quasi di sicuro avrete attivo Windows Defender, il software antivirus progettato da Microsoft per il suo sistema operativo di punta. Purtroppo, nonostante l’impegno di Microsoft e le continue migliorie apportate (come la scansione antivirus effettuata dalla GPU) Windows Defender rimane un prodotto piuttosto basico e spesso inefficiente, non di certo in grado di competere con soluzioni dedicate.
A riguardo c’è da dire che ormai tutti gli antivirus sono in grado di fornire una buona protezione, ma alcuni eccellono in modo particolare (sia per efficacia che per invasività).

La migliore soluzione gratuita presente sul mercato, a parer nostro, è Avira Free Security Suite.
Con questa suite gratuita avremo molteplici funzionalità a costo zero, utilizzando un antivirus riconosciuto dal mondo dell’informatica come potente ed affidabile. La suite comprende inoltre una VPN gratuita limitata (che all’utente medio non servirà, ma se ci si informa si vedrà bene quanto è utile) e un modulo per ripulire ed ottimizzare il sistema dalla spazzatura che vi si può accumulare.
L’utilizzo è semplicissimo, l’installazione non richiede alcun accorgimento tecnico (e non include pubblicità fastidiose) e gli aggiornamenti sono automatici.

Una seconda soluzione, utile nel caso non si riesca ad installare Avira Free Security Suite, è rappresentata dall’ottimo 360 Total Security Free.
Questo software antivirus comprende ben tre motori antivirus (il motore antivirus proprietario, BitDefender e Avira) attivabili gratuitamente, un modulo per la pulizia del computer e un modulo, utilissimo, per velocizzare il sistema. L’unico difetto di quest’ottima suite, a parte il fatto che essendo una soluzione recente è meno accreditata a livello di prestigio, è che presenta spesso dei banner pubblicitari che cercano di proporre la versione Pro a pagamento. Nella fattispecie, all’avvio del computer oltre al tempo di avvio (anche questa funzione molto utile) comparirà un banner pubblicitario da chiudere manualmente nell’angolo in basso a destra.

Ad-blocker ed estensioni del browser

Nonostante non siano dei software di protezione veri e propri, non bisogna sottovalutare l’importanza della protezione che le giuste estensioni del proprio browser web possono fornire.
Il browser, che sia Chrome, Firefox o Edge, è il programma nel quale probabilmente passiamo la maggior parte del nostro tempo.
Facebook, Youtube, lo streaming, le ricerche con Google…ogni click è una richiesta ad un sito, ogni richiesta è una comunicazione verso l’esterno. Sia Avira che 360 Total Security installano automaticamente le proprie estensioni nei browser in uso per permettere una maggior sicurezza durante la navigazione, ma ci sono alcuni accorgimenti aggiuntivi che possono renderci ancora più protetti nel nostro quotidiano navigare.
Una di queste è AdBlock Plus (per Chrome e per Firefox), che ci permette di evitare la maggioranza delle pubblicità invasive e potenzialmente pericolose presenti sul web. Questa estensione blocca automaticamente gli annunci provenienti da migliaia di siti web (compresi gli annunci durante i video di Youtube) in modo assolutamente semplice e senza bisogno di configurazione.
Ma non sono solo gli annunci pubblicitari ad essere responsabili della compromissione della nostra sicurezza su internet. Come già spiegato in questo articolo, il cryptojacking è una minaccia reale e diffusa, specialmente sui siti di streaming e di download di software.
In questo caso, seguire questa guida ed installarne le estensioni è il modo più semplice per tutelarsi contro gli script di cryptojacking.

Antimalware

L’Antimalware è un’integrazione aggiuntiva e molto importante all’azione già di per se fondamentale dell’antivirus.
Un antimalware è in grado di scovare programmi malevoli ed indesiderati presenti sul computer, programmi che spesso sfuggono alle scansioni dei principali antivirus.
L’antimalware che consigliamo è la versione gratuita di Malwarebytes Anti-Malware che, a patto di accettare qualche annuncio riguardante la versione a pagamento e qualche limitazione, riesce a proteggerci dai principali malware, spyware e adware in circolazione. E’ importante ricordare che la versione free non consente l’attivazione della protezione in tempo reale, perciò in questo caso è opportuno effettuare una scansione settimanale per assicurarsi di essere completamente protetti.

Firewall

Diciamolo subito: il firewall non è un elemento necessario per la protezione dell’utente medio.
Un firewall è utile in ambito aziendale o per chi ha davvero bisogno di un livello di protezione aggiuntiva, in quanto si occupa di filtrare le connessioni di rete per permettere o bloccare l’utilizzo di internet da parte di un programma.
Il nostro consiglio è di scaricare un Firewall solo e solamente se si ha le conoscenze per utilizzarlo. Non è complesso comprenderne il funzionamento, anche intuitivamente, ma non essendo un programma fondamentale e potendo creare problemi all’utilizzo dei software basati su internet è meglio mantenersi sul semplice a meno di necessità reali.
Il firewall gratuito più completo e semplice da utilizzare è, ormai da anni, l’ottimo ZoneAlarm Free, che ci consente di monitorare e gestire le connessioni di rete senza alcun bisogno di conoscenze tecniche avanzate.

Una Guida Comprensiva di tutto

Se questa guida non è stata chiara, o per avere ancora più consigli e opinioni, pubblichiamo di seguito il link ad un tutorial molto completo e ben fatto che può integrare il presente articolo.

In questo tutorial troverete altri software e consigli utili per proteggere il vostro PC.

I Migliori Antivirus Gratis per Windows 10 2020: 6 modi affidabili per navigare in sicurezza

Consigli per una navigazione sicura

Al di là di tutte le raccomandazioni software, la protezione migliore rimane la prudenza e la conoscenza del web.
E’ importante ricordare che, mentre si naviga sul web, si è costantemente bersagliati da messaggi pubblicitari, spesso malevoli, che potrebbero compromettere la nostra sicurezza.
Seguendo le indicazioni riportate sopra senza dubbio la vostra sicurezza a livello software sarà garantita, ma per essere certi di navigare in tutta sicurezza è bene seguire delle linee guida di comportamento idonee a non cascare nei tranelli di coloro che cercano di carpire i dati degli utenti su internet.
Come prima cosa, cercate di evitare di navigare su siti internet sconosciuti e non fidati che promettono download gratuiti, film in streaming e servizi “troppo belli per essere veri“. Di solito, con alcune eccezioni, si tratta di specchietti per le allodole appositamente allestiti per attrarre ignari utenti e reindirizzarli verso download di malware di qualsiasi tipo (spesso adware).
Inoltre ricordatevi sempre che se durante la navigazione si aprono finestre all’improvviso (ad esempio durante la visione di un filmato in streaming), si può esser sicuri al 99% che si tratta di servizi pubblicitari nascosti sotto vesti apparentemente legittime: è opportuno, in questo caso, chiudere la finestra il prima possibile ed ignorare i messaggi riportati.
Non esitate, inoltre, a dotarvi di un antivirus, un antimalware e delle estensioni adatte: ogni minuto passato senza un’adeguata protezione è un possibile minuto regalato ad un criminale informatico.

In sintesi possiamo affermare che la chiave per essere protetti sul web è una buona dotazione software unita ad una sana dose di diffidenza.
Un detto molto popolare tra gli esperti di sicurezza informatica afferma che la vulnerabilità più grave in un computer sta seduta tra lo schermo e la sedia, e questo detto non è mai stato così attuale come in questo periodo della storia dell’informatica.
Seguendo questa guida potete considerarvi protetti, ma badate bene: sarete protetti contro virus e affini, ma se il vostro comportamento su internet sarà poco attento beh, in quel caso non c’è antivirus che tenga.

Quindi, cari visitatori del Proteiforme, la sintesi è: restate protetti e siate prudenti!

Il Proteiforme consiglia:  Come promuovere la tua musica su Spotify e altri store