Scopriamo cos'è, come si scarica e se è legale utilizzare Spotify craccato, la versione premium gratuita del popolare software musicale

Semplicità
5/5
Utilità
5/5
Affidabilità
4/5

Iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato, senza spam, sul nuove guide e tutorial gratuiti 🙂

Se invece hai hai dei dubbi, commenta l’articolo o scrivici su Facebook!

DISCLAIMER

La pirateria è un reato, che come tale non è incoraggiato nè supportato dagli autori di questo articolo e dal proprietario del sito web.

Qualsiasi utilizzo illecito delle informazioni contenute in questa guida, che vengono fornite solo e solamente a scopo informativo e al fine di permettere la fruizione di contenuti legali, è fortemente osteggiato dagli autori e dal proprietario del sito web.

Si ricorda inoltre che tutte le risorse, i link e le informazioni contenute nella presente guida sono risultato di un’aggregazione di elementi già presenti sul web.

Introduzione

Spotify è una delle migliori applicazioni mai create dalla diffusione del web: ha rivoluzionato il mondo della musica, aggregando praticamente tutti gli artisti e i brani sotto l’egida di un software semplice da usare e relativamente economico.

Con i suoi abbonamenti flessibili e vantaggiosi, Spotify permette a tutti di godersi i propri brani su qualsiasi dispositivo in qualità premium, e grazie a questo non ha rivali nel mondo dei software musicali.
Oltre all’abbonamento premium normale, infatti, Spotify fornisce la possiblità di fruire di un abbonamento “familiare” condiviso, che costa 15 euro al mese per 6 persone, cioè 2,5 € a testa. Praticamente nulla.

Non tutti, però, sono disposti a pagare per ascoltare musica.
I seguaci della pirateria o i fan delle battaglie contro il concetto di Royalty e copyright, infatti, non sono rimasti con le mani in mano e hanno creato una versione modificata dell’app Spotify, che consente a tutti di fruire gratuitamente della stragrande maggioranza delle funzioni di Spotify Premium.

In questa guida forniremo, solo per scopi informativi, maggiori informazioni sull’argomento appena introdotto.
Ma attenzione! Ricordatevi che utilizzare Spotify craccato senza pagare la versione Premium è illegale, fatelo solo se avete un abbonamento premium e solo per scopi di testing: dopodichè tornate ad utilizzare il vostro comodo e vantaggioso abbonamento legale 🙂

Spotify Premium gratis: dove trovarlo

Coloro che hanno creato Spotify cosiddetto craccato hanno modificato l’applicazione ufficiale per rendere disponibili le funzioni Premium (alta qualità, scelta delle canzoni, code, zero pubblicità) senza pagare un centesimo.

Le versioni principali sono due: la Classic Mod e la Echo Mod.
La prima è la più famosa e permette tutto quello che abbiamo scritto sopra ma non permette l’accesso tramite Facebook. La seconda, invece, è una versione più recente e completa, compresa di accesso Facebook.

Inutile dire che entrambe sembrano funzionare alla perfezione, ma attenzione: Spotify ha più di una volta sottolineato l’illegalità di queste soluzioni, e la pirateria è un reato!

I link per scaricare Spotify craccato sono disponibili pubblicamente a questi indirizzi:

Spotify Craccato: precisazioni

Nonostante la versione modificata di Spotify sia perfettamente funzionante e completa, tenete conto di una cosa: è una versione non ufficiale.

Con questa versione non potrete godere del supporto del  team Spotify e non potrete dire di avere realmente Spotify Premium.

Questo anche perchè la versione modificata ha uno svantaggio importante: non esiste per Windows. 
Se utilizzate Spotify per Windows e volete godervi le funzioni Premium, dovrete controllare la musica dal telefono premendo “Dispositivi disponibili” e riprodurre i brani sul PC, dopo aver effettuato l’accesso dall’app ufficiale per Windows. 

Conclusione

Se questa guida ti è piaciuta, lascia un commento e iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato senza spam sulle nuove guide 🙂

Se invece hai incontrato problemi o hai dei dubbi, commenta qui sotto o scrivici su Facebook!

Alla prossima!

image_pdfSalva in PDFimage_printStampa

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top