Spotify Premium costa veramente poco, eppure c'è chi continua a utilizzare la versione craccata su Android. Ma come si organizza chi non vuole pagare e vuole un'esperienza premium gratuita su Windows?

Facilità
5/5
Utilità
5/5
Stabilità
4/5

Iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato, senza spam, sul nuove guide e tutorial gratuiti 🙂

Se invece hai hai dei dubbi, commenta l’articolo o scrivici su Facebook!

Non dimenticarti di controllare la sezione informatica del Proteiforme, per guide nuove e sempre gratuite!

DISCLAIMER

La pirateria è un reato, e come tale non è incoraggiato nè supportato dagli autori di questo articolo e dal proprietario del sito web.

Qualsiasi utilizzo illecito delle informazioni contenute in questa guida, che vengono fornite solo e solamente a scopo informativo e al fine di permettere la fruizione di contenuti legali, è fortemente osteggiato dagli autori e dal proprietario del sito web.

Si ricorda inoltre che tutte le risorse, i link e le informazioni contenute nella presente guida sono risultato di un’aggregazione di elementi già presenti sul web.

Introduzione

Spotify è un must-have per chiunque voglia godersi la propria musica in libertà e senza pensieri.
Grazie alla sua portabilità e all’infinito panorama musicale contenuto nei suoi archivi, Spotify non ha rivali nel mondo delle app per la musica.

La maggior parte delle persone utilizzano Spotify su Android o iPhone, ma molti sono quelli che ascoltano musica da Spotify su PC: al lavoro, mentre si studia, mentre si scrive…la versione Windows del popolare programma musicale non ha niente da invidiare a quella mobile.

E, come quella mobile, la versione Free offre tutte le canzoni e le playlist della versione gratis ma con numerosi annunci pubblicitari che spesso e volentieri interrompono l’ascolto tra una canzone e un’altra.

Per questo moltissime persone utilizzano gli ormai economicissimi abbonamenti Premium a Spotify (parleremo più avanti di come ottenerne a prezzi stracciati e legalmente); molte altre, invece, preferiscono utilizzare le versioni craccate, versioni “pirata” (e quindi illegali) in grado di funzionare come versioni Premium pur non essendolo.

Spotify Craccato su Android

Di Spotify craccato per Android, ormai famoso per la sua efficacia nonostante sia illegale, abbiamo già parlato in questo articolo, nel quale spiegavamo come alcuni modder fossero riusciti a superare le limitazioni imposte da Spotify Free.

Il problema più grosso si configurava invece su Windows: sono mai riusciti i modder a creare una versione craccata di Spotify per Windows?

La risposta è: ni.
Una vera versione craccata non esiste, esiste però un plugin che permette di evitare in automatico tutte le pubblicità e le interruzioni dovute a Spotify Free.

Rimuovere le pubblicità su Windows

Su Windows (che sia Windows 10, Windows 7 o Windows 8 / 8.1) non esiste una versione craccata di Spotify, per via di molti fattori tra i quali i numerosi aggiornamenti e gli antivirus che bloccano molto spesso modifiche alle applicazioni ufficiali.

Esiste però un metodo molto semplice e perfettamente funzionante per eliminare le pubblicità di Spotify Free e godersi la propria musica senza fastidiose interruzioni.
Pur non eliminando i banner e le pubblicità visive, questo piccolo software permette a chiunque di non preoccuparsi più delle interruzioni audio dovute alla pubblicità.

Il software si chiama EZBlocker, e si può scaricare da qui (sito ufficiale) o, se non fosse disponibile, da qui (mirror).

L’installazione è semplice: basta seguire le istruzioni a video e avviare EZBlocker al termine del setup.
Nell’interfaccia del programma è opportuno selezionare “Start EZBlocker on Login” e “Start Spotify with EZBlocker”: in questo modo EZBlocker sarà perfettamente integrato con Spotify.

Il funzionamento è semplice: ogni volta che EZBlocker riconoscerà della pubblicità, toglierà il volume a Spotify di fatto eliminandola. Appena la pubblicità sarà terminata, il software ripristinerà il volume alla normalità.
Semplice ed efficace.

La funzione “Block Banner Ads” è attualmente non disponibile, anche se si può comunque provare avviando EZBlocker come amministratore (tasto destro sull’icona del software -> esegui come amministratore).

N.B. Se dovesse capitarvi di non sentire più l’audio delle canzoni (magari per via di un crash del pc che ha interrotto EZBlocker in modo non corretto), è sufficiente aprire EZBlocker e premere su “Open Volume Control”: da lì bisognerà togliere il segno “Mute” da Spotify. Il blocco delle pubblicità rimarrà comunque attivo.

Iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato, senza spam, sul nuove guide e tutorial gratuiti 🙂

Se invece hai hai dei dubbi, commenta l’articolo o scrivici su Facebook!

Non dimenticarti di controllare la sezione informatica del Proteiforme, per guide nuove e sempre gratuite!

Conclusione

Se il tutorial vi è piaciuto, non dimenticatevi di iscrivervi alla pagina del Proteiforme su Facebook  e di condividere con gli amici questa guida 🙂

Se invece avete dubbi o consigli, commentate questo post: rispondiamo a tutti!

Date anche un’occhiata alla sezione Informatica del sito, per guide sempre aggiornate e gratuite!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top