Dopo il crack per Android, ecco che Spotify viene craccato anche su iOS, senza jailbreak

Spotify craccato per iOS - Tutto ciò che serve sapere 1
Utilità
5/5
Semplicità
4.5/5
Affidabilità
4.5/5

Iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato, senza spam, sul nuove guide e tutorial gratuiti 🙂

Se invece hai hai dei dubbi, commenta l’articolo o scrivici su Facebook!

DISCLAIMER

La pirateria è un reato, che come tale non è incoraggiato nè supportato dagli autori di questo articolo e dal proprietario del sito web.

Qualsiasi utilizzo illecito delle informazioni contenute in questa guida, che vengono fornite solo e solamente a scopo informativo e al fine di permettere la fruizione di contenuti legali, è fortemente osteggiato dagli autori e dal proprietario del sito web.

Si ricorda inoltre che tutte le risorse, i link e le informazioni contenute nella presente guida sono risultato di un’aggregazione di elementi già presenti sul web.

Proteggersi con una VPN

Prima di iniziare questo tutorial, ci sentiamo di consigliarvi un metodo sicuro ed efficace per proteggere il vostro anonimato online.
Che vogliate più privacy o che non vogliate far sapere al vostro provider i vostri dati di navigazione, la soluzione è semplice ed economica: una VPN come Surfshark.

Surfshark propone soluzioni veramente economiche e, cliccando su questo link, permette di ottenere una VPN veloce, sicura e crittografata con server in centinaia di luoghi diversi a meno di due euro al mese.

Noi la usiamo e ci troviamo davvero bene!

Introduzione

Spotify si è imposto, almeno in Europa, come software leader per lo streaming musicale a basso costo.
Per pochi euro (2,50€ al mese con il piano Family) è possibile infatti ottenere la versione Premium senza limitazioni e con audio in alta qualità.

Nonostante questo, alcuni utenti hanno modificato l’applicazione per renderla premium anche senza pagare.
In breve, hanno craccato Spotify.

Abbiamo già presentato il risultato del lavoro dei modder per Android in questo articolo, ma come si può ottenere Spotify craccato per iOS?

Spotify craccato per iPhone: come scaricarlo

Per scaricare Spotify craccato per iPhone i passaggi sono veramente pochi, ma devono essere eseguiti nel giusto ordine.

Il trucco sta infatti nell’utilizzare un app store alternativo, seguendo questi step:

  1. Disinstallate qualsiasi versione di Spotify presente sullo smartphone
  2. Scaricate (premendo Download e Consenti) Tweakbox da questo link
  3. In caso Tweakbox non sia disponibile, utilizzate Tutuapp da questo link
  4. Quando richiesto, installate il profilo inserendo (se richiesto) il codice e premendo di nuovo installa
  5. Aprite Tweakbox (o Tutuapp) dalle applicazioni di iPhone
  6. Premete la sezione “apps” in alto e poi Tweaked Apps
  7. Scorrete fino a trovare “Spotify ++” e premete Install e successivamente Installa
  8. Attendete l’installazione su iPhone dell’applicazione
  9. Aprite ora Spotify appena installato
  10. In caso venisse presentato un errore riguardante lo Sviluppatore non autorizzato seguire il prossimo passaggio
  11. Aprite  Impostazioni – Generali – Gestione Profilo e dispositivi
  12. Cliccate “MONSTAR LAB” e installate il profilo
  13. Ora l’app Spotify installata si aprirà normalmente

Conclusione

Come vedete l’installazione di Spotify moddato è veramente semplice, ma ricordatevi che è illegale e quindi non consigliato.

La presente guida ha il solo scopo di mostrare come alcuni utenti abbiano provato e siano riusciti a superare le protezioni della piattaforma.

Se questa guida ti è piaciuta condividila con gli amici, se hai avuto problemi o hai dei dubbi scrivici invece nei commenti o su Facebook 🙂

Iscriviti alla PAGINA FACEBOOK del Proteiforme, per rimanere sempre aggiornato, senza spam, sul nuove guide e tutorial gratuiti 🙂

Se invece hai hai dei dubbi, commenta l’articolo o scrivici su Facebook!

Il Proteiforme consiglia:  Nintendo SWITCH su PC con Yuzu: Pokemon Let's Go! e altri giochi